Einkaufsgemeinschaft HSK AG
Postfach
8081 Zürich

www.ecc-hsk.info
D | F | I

Trasparenza nel settore sanitario: continuare alla cieca o finalmente una visione chiara?

La Cooperativa di acquisti HSK ha definito la «trasparenza nel settore sanitario» come tema annuale per il 2022. Sotto la domanda «Continuare alla cieca o finalmente una visione chiara?», l'attenzione si concentrerà sui dati dei costi, sulla determinazione dei prezzi, sulla qualità e sul ruolo dei singoli attori, oltre che sul contesto generale.

#

 

Importanza tematica e necessità di intervento

Fin dalla sua fondazione, la Cooperativa di acquisti HSK si è prefissata uno standard elevato nell’operare in maniera trasparente. Ciò si riflette in particolare nelle nostre trattative tariffali (trattative sui prezzi incentrate sui dati, liste tariffali, ecc.). Chiediamo trasparenza anche ai nostri stakeholder, in primo luogo ai nostri azionisti e ai nostri partner tariffali, ma anche alle autorità ed alla società in generale. Nel mercato del settore sanitario, i principi operativi classici del libero mercato sono inefficaci a causa di incentivi negativi (ad es. il «fenomeno del rischio morale», anche noto come «Moral Hazard» in inglese) ed asimmetrie informative (ad es. il «problema del principale-agente»). Inoltre, il sistema sanitario svizzero ha molto da recuperare rispetto ad altri paesi. Lo dimostra uno studio globale sulla «trasparenza nel settore sanitario» di KPMG del 2017, in cui la Svizzera, con un valore dell'indice del 53 percento, raggiunge solamente il 19° rango nella scala della trasparenza ed è pertanto a metà classifica.
Nell'ambito del suo tema annuale, HSK si è posta l'obiettivo di raccogliere continuamente cifre e fatti per rappresentare un quadro generale del sistema sanitario svizzero. Approcci interessanti dall'estero completeranno il quadro. Sono garantiti approfondimenti trasparenti.

Necessità di intervento sulla trasparenza dei dati nel settore ospedaliero

Dall'introduzione del nuovo finanziamento ospedaliero nel 2012, in questo settore vige una base legale per la consegna dei dati. Gli ospedali hanno quindi l'obbligo di fornire agli assicuratori ed alle loro cooperative di acquisti informazioni sui loro costi d’esercizio e d'investimento, oltre alle loro statistiche di fornitura prestazioni. Questi dati costituiscono la base per determinare i costi rilevanti per le tariffe, per identificare i fornitori di prestazioni efficienti e per la successiva determinazione dei prezzi. Il legislatore assicura un alto livello di trasparenza nel settore ospedaliero. Tuttavia, in alcune aree risulta ancora un notevole bisogno di chiarimento, per citare qualche esempio: nell’ambito dei casi deficitari a costo elevato, dei costi di pronto soccorso, delle statistiche dei costi per caso e delle prestazioni economicamente di interesse generale.

La legge sull'assicurazione malattia non prevede il finanziamento delle prestazioni economicamente di interesse generale tramite forfait per caso (art. 49 LAMal). Tuttavia, permette ai cantoni di fare iniezioni finanziarie per il «il mantenimento di capacità ospedaliere per motivi di politica regionale» e per «la ricerca e l'insegnamento universitario». La formulazione vaga e la lista non esaustiva della legge porta ad interpretazioni molto divergenti da parte dei cantoni. Secondo Avenir Suisse, gli importi annuali pro capite nel 2019 nei cantoni variano tra 8 e 864 franchi (Canton ZG vs. Canton AR) e per quelli con ospedali universitari tra 145 e 649 franchi (Canton BE vs. Canton BS). La mancanza di trasparenza porta a distorsioni concorrenziali e mina il potenziale del sistema SwissDRG nel sollecitare gli ospedali ad una maggiore efficienza.

Nelle trattative tariffali, la Cooperativa di acquisti HSK è quindi ripetutamente confrontata con il fatto che i costi per le prestazioni economicamente di interesse generale sono aggregati ai costi per le prestazioni della LAMal. Gli ospedali equiparano i sussidi dei cantoni per le prestazioni economicamente di interesse generale alle entrate. In realtà, però, si tratta di prestazioni che vengono finanziate. Per questo motivo, i sussidi dei cantoni devono essere documentati al partner tariffale, al fine di essere presi in considerazione nella determinazione dei prezzi. Altrimenti, sussiste il pericolo che tramite i sussidi nascosti siano occultate eventuali inefficienze.

Disparità di trattamento fra i settori ambulatoriale e stazionario

Ciò che è valido nel settore stazionario non risulta vero per il settore ambulatoriale, nel quale manca completamente la base legale per la fornitura di dati (v. articolo della newsletter Q. 4 | 2019 «Trasparenza dei dati: ci vuole una base giuridica»). Perciò la classe medica ed altri fornitori di prestazioni ambulatoriali non divulgano affatto o solo in modo inadeguato i loro dati. I confronti ed il benchmarking, volti a promuovere gli sforzi di efficienza, sono quindi impediti. Questa situazione rende difficile per gli assicuratori e le loro cooperative di acquisti la negoziazione di tariffe basate sui dati nell'interesse degli assicurati e in conformità con i requisiti di legge (art. 59c OAMal). Di conseguenza, questo argomento è discusso in modo controverso nel corso delle trattative tariffali.

Come parte del suo tema annuale, la Cooperativa di acquisti HSK lascia la parola alla classe medica. Si cercano risposte alle domande su come i fornitori di prestazioni ambulatoriali reputino la Svizzera in termini di trasparenza e su come valutino le condizioni quadro. Inoltre, dovrebbe essere interessante chiedersi quali vantaggi e svantaggi offra la trasparenza nei modelli di cura ambulatoriale, come ad es. un «managed care system», quali esperienze siano disponibili in questo campo e quali conclusioni si possano trarre. Si discuterà anche se la stessa base legale possa essere introdotta nel settore ambulatoriale e in quale modo. L'obiettivo sarebbe che tutti i fornitori di prestazioni abbiano le stesse condizioni quadro e gli stessi obblighi. Sono garantite discussioni avvincenti - anche nell'ambito del nostro evento annuale, il Forum HSK 2022.

Obbligo di trasparenza da parte del regolatore

La richiesta di trasparenza non si limita ai fornitori di prestazioni. La Cooperativa di acquisti HSK considera anche l'obbligo delle autorità nazionali e cantonali. Gli ambiti di intervento per una maggiore trasparenza da parte del regolatore riguardano in particolare il processo di approvazione delle tariffe tempestivo, la pianificazione intercantonale delle cure, la mancanza di un'autorizzazione sovracantonale dei fornitori di prestazioni ambulatoriali e la formulazione eterogenea dei mandati di prestazione. La causa di tali disfunzioni è da ricercare, da un lato, nel conflitto di interessi in cui si trovano i cantoni a causa dei loro molteplici ruoli di detentori di quote, autorità di approvazione e di fissazione delle tariffe. Dall’altro lato, gli interessi contraddittori della politica regionale ostacolano frequentemente una politica sanitaria sensata, sovracantonale o nazionale (ad es., la garanzia dei posti di lavoro in caso di chiusura degli ospedali). 

Gli assicuratori malattia come ulteriore importante attore della trasparenza

Nel corso del suo tema annuale, la Cooperativa di acquisti HSK evidenzierà inoltre, come gli assicuratori malattia abbiano un ruolo importante e possano contribuire ad una maggiore trasparenza. La questione centrale sarà conoscere il grado di trasparenza dei dati da parte degli assicuratori e ciò che può essere richiesto in questo ambito (ad.es. processo di determinazione dei premi assicurativi, costi d’esercizio, ecc.). Un altro aspetto interessante è come questi dati possano essere utilizzati in modo significativo nel contesto della ricerca e dell'analisi, per esempio per aumentare la qualità o l'efficienza dell'assistenza sanitaria. Esistono interessanti progetti pilota che saranno esaminati più in dettaglio.

Trasparenza della qualità

Anche il tema della qualità è molto legato alla trasparenza. La divulgazione dei dati sulla qualità al pubblico e a chi sostiene le spese non solo promuove la concorrenza, ma crea anche il presupposto per collegare la qualità alla retribuzione. Per esempio, la retribuzione della qualità può essere fatta dipendere dal fatto che i dati sulla qualità siano disponibili o meno oppure che il trattamento corrisponda all'indicazione. Si può anche pensare di collegare la retribuzione alla qualità delle strutture (personale | reparto specializzato disponibile) o alla qualità dei processi e dei risultati. Se e quali di questi rimborsi di qualità siano possibili anche in Svizzera è oggetto delle attuali trattative sui contratti di qualità a livello strutturale tra le associazioni di categoria degli assicuratori malattia (ad es. curafutura) e quelle dei fornitori di prestazioni (ad es. H+, FMH). Tali contratti di qualità, compresa la misurazione della qualità e lo sviluppo di indicatori di qualità, sono ora previsti dal legislatore nell'ambito della revisione della LAMal «rafforzamento della qualità e dell’economicità», in vigore dal 1° aprile 2021. Il nuovo articolo sulla qualità in esso contenuto (art. 58 LAMal) prescrive anche l'elaborazione di una strategia della qualità e la fissazione di obiettivi quadriennali e annuali da parte del Consiglio federale.

La Cooperativa di acquisti HSK tratterà, nell’ambito corso del suo tema annuale, i diversi aspetti qualitativi della trasparenza. Domande coinvolgenti saranno all'ordine del giorno: «Attualmente com’è lo stato della qualità e dove sono presenti le lacune? Come valutano le varie parti interessate le ultime riforme legali sulla qualità? Quali sono i modelli di prezzo esistenti basati sulla qualità?». Dei progetti pilota, come quello della clinica privata ginevrina La Tour, possono fornire suggerimenti interessanti.

Highlight dell’anno 2022

Questo articolo dimostra quanto sia molteplice ed ampia la tematica della «trasparenza nel settore sanitario». Il tema annuale della Cooperativa di acquisti HSK per il 2022 offre quindi diversi spunti e prospettive.

Il nostro quesito dell’anno raggiungerà il suo apice ancora una volta con il nostro convegno annuale, il Forum HSK 2022, che si terrà giovedì 1° settembre 2022. Speriamo vivamente che la situazione generale della pandemia COVID-19 permetta di nuovo un evento fisico su maggiore scala al Zentrum Paul Klee di Berna. In questo luogo, fino al 2019 il Forum HSK ha potuto dimostrare la sua caratteristica di networking. Rimane quindi coinvolgente sotto più aspetti.
Si riservi la data oggi stesso e si tenga aggiornato tramite la nostra newsletter, il nostro sito web e i nostri canali social media (Twitter, LinkedIn).

Trova interessante questo articolo?


Ulteriori informazioni

Studio «Trasparenza nel sistema sanitario» di KPMG del 2017 Articolo newsletter Q4 | 2019 «Trasparenza dei dati: ci vuole una base giuridica» Presentazione «Finanziamento e remunerazione degli ospedali, un impulso», Prof. Dr. med. MPH FFPH Reinhard Busse, Technische Universität Berlin (in tedesco) Articolo di Medinside del 12 gennaio 2022: «Come un ospedale misura il valore della chirurgia della spalla» (in tedesco)

Il suo contatto diretto

Eliane.jpg

Eliane Kreuzer

Direttrice
T +41 58 340 64 92
e.kreuzer